Andrea Leone
Home Profilo Portfolio Servizi News
       
 


REALIZZAZIONI - PROGETTI


Geometra Leone - Palazzina uffici  


Palazzina uffici
Edificio direzionale energeticamente autonomo realizzato in Bio-Edilizia. I° Edificio in Piemonte Certificato dall'Agenzia CasaClima Classe Gold-Nature

Risparmio energetico, uso delle fonti rinnovabili, sostenibilità ambientale sono temi sui quali sempre più spesso, progettisti sono chiamati a decidere o a orientare le scelte dei committenti. Progettare e costruire edifici a basso consumo o edifici passivi significa porre al centro dell’attività di progettazione l’efficienza energetica dell’involucro edilizio e degli impianti inseriti nell’edificio. L'obiettivo di costruire edifici secondo La Direttiva Europea sul Rendimento Energetico degli Edifici (Direttiva 2002/91/CE) "nearly zero energy in vigore a partire dal 2020, segna già oggi un punto di svolta nel modo di concepire e realizzare abitazioni.

Percorrendo la strada che attraversa la Valle Versa, ai piedi del concentrico di Montiglio Monferrato nel Nord Astigiano, si sviluppa la zona industriale del paese. L’ultimo intervento in ordine di tempo ha interessato la realizzazione della nuova sede di una Ditta che si occupa di impianti ad energie rinnovabili. La compattezza della forma, la percezione dei materiali utilizzati le trasparenze che consentono di entrare con lo sguardo all’interno dell’edificio tradiscono il desiderio di distinguersi all’interno del tessuto edilizio in cui il fabbricato è inserito.  Un edificio in legno realizzato interamente in bioedilizia in una zona a vocazione produttiva ed industriale, nel Nord astigiano una reale novità di cui traspare il carattere innovativo, riscontrabile nei materiali utilizzati, nella forma architettonica, nella scelta dei componenti e del sistema costruttivo adottato.

Elevata efficienza energetica, utilizzo esclusivo di materiali naturali, analisi della sostenibilità del sito di costruzione, gestione delle acque e ricerca del confort abitativo per realizzare un edificio a “quasi zero energia” rispettoso dell’ambiente oggi e domani.

Tale operazione ha comportato una delicata fase di studio e progettazione ricercando nell’innovazione l’applicazione di pratiche di sostenibilità nella realizzazione dell’edificio, dalla scelta del sistema costruttivo a quella dei materiali di finitura. Compito dell’azione progettuale è stato quello di superare le apparenti incongruenze che esistono fra “disciplina e libertà, tra memoria ed innovazione, tra natura e tecnologia”. Superare le rigidità che nascono da una visione tecnicistica del progetto, per ottenere  un’integrazione  fra  contesto  ambientale,  progetto  e  tecnologie  capace  di  garantire  la  qualità  dell’esito,  con  il contributo anche sperimentale di materiali e di metodi innovativi.

L’edificio, 226 mq utili di uffici su due piani, si compone di una struttura portante in legno, formata da pannelli assemblati senza colle e fissaggi metallici, ma con connettori in legno (pannelli Soligno). L’isolamento è garantito da un cappotto esterno in fibra di legno, con uno spessore di 18 cm (dotato di certificazione NaturPlus) . L’intonaco esterno in calce idraulica naturale, quello interno in argilla cruda. Il tetto, isolato con oltre 40 cm di fibra di legno, ospita un “giardino pensile” sull’intera superficie della copertura.

Il fabbricato ha seguito l’iter di certificazione da parte dell’Agenzia CasaClima di Bolzano ottenendo la prima certificazione in glasse Gold-Nature in Piemonte per edifici non residenziali (CasaClima Gold Fabbisogno energetico inferiore di 10 kWh/m²a / Casa da 1 litro).

Apri foto Localizza Pubblicazioni



Geometra Leone - Riqualificazione rustico  


Riqualificazione rustico
Ristrutturazione fabbricato volta al recupero funzionale e riutilizzo a fini abitativi dell'intero edificio.

Il complesso di opere che hanno interessato il fabbricato hanno previsto una sostanziale modifica dell'assetto strutturale dell'intero edificio, la Committenza ha inteso porre la massima attenzione e cura alla conservazione delle preesistenze, al recupero di tutte le strutture in essere, fortemente caratterizzate da un'impronta tipica dei fabbricati rustici della zona.

La ristrutturazione ha conservando come detto l'assetto plano-altimetrico del fabbricato esistente, la disposizione delle murature esistenti, dei solai, della copertura e dei livelli del fabbricato così come in origine.

L'intervento nel suo complesso si è prestato ad un recupero sincero di gran parte delle strutture esistenti, mantenendo la sagoma del fabbricato originario, ma non solo, sono state mantenute con cura tutte le murature, i solai a voltine in mattoni pieni e travi di rovere, realizzati ex novo nei nuovi locali recuperati. L'attenzione è stata posta non solo sulla forma, molta cura e ricerca è stata volta all'aspetto materico utilizzando materiali di recupero, dai travi ai laterizi, dai coppi ai camini fino al riutilizzo di calci naturali scelte per gli intonaci interni ed esterni.

Attenzione alla materia e rispetto delle forme volte al recupero di un edificio esistente altrimenti destinato al crollo. Una precisa scelta progettuale e della committenza atta riportare a nuova vita l'edificio conservandone la tipicità e l'aspetto materico.


Apri foto Localizza  



Geometra Leone - Casa unifamiliare
 


Casa unifamiliare
Fabbricato residenziale a bassissimo consumo, energeticamente autonomo. Intervento dimostrativo Regione Piemonte Bando 2007

La consapevolezza e lo sforzo di ricercare, anche in ambito privato, un modo di costruire energicamente efficiente e sostenibile, costituisce la filosofia, e la finalità, che ha ispirato questo progetto.

Posto in cima ad una collina della Frazione Rocca di Montiglio Monferrato, comune dell'Astigiano, il fabbricato residenziale realizzato conta poco più di 1400 mc. Progettato e pensato per far sue le caratteristiche tipologiche di un casale piemontese, si integra perfettamente nel tessuto edilizio esistente. In esso è presente un'unica unità abitativa suddivisa in due zone climatiche. Il corpo di fabbrica si sviluppa su due piani fuori terra con copertura a falde inclinate e manto in coppi piemontesi.

L'approccio ed il pensiero che hanno accompagnato le fasi che vanno dalla progettazione all'esecuzione dell'opera sono stati volti al raggiungimento dei seguenti obiettivi:

• sostenibilità ambientale, grazie ad una sensibilità nei riguardi dell'impatto che l'edilizia produce sull'ambiente. La sfida è stata quella di costruire un edificio meno «energivoro» che offre un'alta qualità dell'abitare, in armonia con il paesaggio. Un'edificio in cui il massimo del comfort si coniuga con il minimo dei consumi.

• innovazione tecnologica e rispetto delle tradizioni costruttive. La casa è stata realizzata utilizzando tecnologie innovative, già ampiamente collaudate e sicure, come l'energia geotermica e quella fotovoltaica. Contemporaneamente si è optato per l'uso di materiali che fotografano la tipologia costruttiva territoriale quali laterizi, pietre, legno: materiali nobili e belli, da sempre usati in edilizia con ottimi risultati sia in climi rigidi che temperati.

• riduzione del fabbisogno energetico avendo minimizzato l'impatto del clima esterno sugli ambienti interni ed ottimizzando le tecniche di riscaldamento.


L'attenta progettazione e l'accurata esecuzione di tutte le opere hanno consentito di ottenere, seppur in condizioni non favorevoli, un fabbricato con un fabbisogno energetico pari a 20,30 Kwh/m2 anno , Classe energetica A, in grado di coprire il 90% del proprio fabbisogno attraverso l'autoproduzione da fonti di energia rinnovabili.


- RAFFRONTO CON FABBRICATO CONFORME ALLA NORMATIVA

Il Limite normativo riferito alla domanda di energia per il riscaldamento degli ambienti sarebbe, per un fabbricato di pari dimensioni, pari a 85,64 Kwh/m2 anno contro i 20,30 Kwh/m2 anno ottenuti (il fabbricato ha un fabbisogno inferiore ad 1/4 di quello previsto dalla vigente normativa)




Apri foto Localizza Pubblicazioni

Pubblicazioni



Riqualificazione energetica - Intervento su appartamento  


Intervento su appartamento
Riqualificazione energetica di appartamento in condominio
a Torino da classe energetica E a classe energetica B.


L’intervento ha interessato un appartamento in condominio in una centrale Via di Torino.

Il patrimonio edilizio italiano consta di 26,5 milioni di unità abitative, di cui 17,5 costruite prima del 1976, anno di entrata in vigore della prima legge (la 373) sul risparmio energetico nelle costruzioni edili. Il patrimonio edilizio del nostro Paese è responsabile del 36% dei consumi energetici italiani. É questo il quadro che emerge dal rapporto ’Energy Efficiency Report, realizzato dall’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano. Tale condizione si deve soprattutto al fatto che il 70% degli edifici italiani, siano essi residenziali o non residenziali (quindi strutture pubbliche o aziende), sono stati realizzati prima che venissero introdotte le prime norme sull’efficienza energetica nell'edilizia (1976). Inoltre un quarto del patrimonio edilizio non ha mai subito in date successive interventi di manutenzione o riqualificazione che avrebbero potuto migliorare la situazione sul fronte dell'efficienza.

Secondo il Ministero dello Sviluppo Economico quasi il 90% del patrimonio edilizio ha un fabbisogno energetico di circa 220-250 kWh/m² anno, ovvero consumi di 25 litri di gasolio per m².

Tale consapevolezza e lo sforzo di ricercare, anche in ambito di riqualificazioni dell’esistente, hanno ispirato questo e altri interventi simili per tipologia. L’attenta progettazione e l’accurata esecuzione di tutte le opere hanno consentito di ottenere, seppur impossibilitati ad intervenire sull’impianto termico centralizzato, il fabbisogno energetico di un edificio Classe energetica B, partendo dal fabbisogno di un edificio in Classe E.

Grazie ad un’accurata diagnosi energetica, che è l'insieme delle attività professionali atti ad individuare “lo stato di salute” di un sistema edificio-impianto è stato possibile definire le indicazioni per il miglioramento, di seguito si elencano gli interventi effettuati:

  • Sostituzione serramenti con nuovi serramenti con trasmittanza < 1,50 W/mqK

  • Realizzazione di cappotto interno in fibra di legno

  • Realizzazione di termointonaci di calce idraulica naturale

  • Finiture in calce idraulica naturale



Apri foto    



Vedi i progetti - Torna su